Omaha Poker – Regole e strategie


Descrizione del gioco

L’Omaha Poker prevede che ogni giocatore riceva quattro carte coperte (dette hole cards), mentre cinque carte scoperte saranno posizionate al centro del tavolo e tutti i giocatori potranno utilizzarle. Ogni giocatore potrà creare una combinazione con cinque carte, ma dovrà usarne esattamente due tra le proprie hole cards e tre tra quelle disposte sul tavolo. La mano migliore costruita in questo modo vincerà il piatto. L’Omaha è molto popolare ed è facile trovarlo sui siti di poker online.

Puntate

Le puntate iniziano dopo che ogni giocatore ha ricevuto le sue quattro carte coperte. Queste carte saranno come detto coperte e quindi solo il giocatore che le possiede ne conoscerà il valore, mentre le carte successive saranno scoperte e divise in tre turni. Per prima cosa ci sarà il flop, dove tre carte verranno messe scoperte al centro del tavolo, e a questo punto ci sarà un secondo turno di puntate.
Verrà quindi messa sul tavolo una quarta carta scoperta (il turn), seguita da un terzo turno di puntate.

A questo punto l’ultima carta scoperta, il river, verrà posizionata sul tavolo e ci sarà l’ultimo turno di puntate. Sia le carte del flop che il turn e il river sono carte comuni che tutti i giocatori potranno utilizzare e che tutti i giocatori vedranno.
Quando tutte le puntate saranno state effettuate si andrà allo showdown, dove i giocatori che non hanno passato durante il gioco andranno a mostrare le loro carte per dichiarare il vincitore.
Ovviamente nel caso in cui rimanesse solo un giocatore (perché gli altri hanno passato) sarà lui ad aggiudicarsi il piatto, senza bisogno dello showdown.

Nell’Omaha è consentito il check-raise (tranne che nel primo turno).


Limiti di puntata

In una partita di Omaha Poker può esserci un limite fisso di giocata (es. 4/8$, che rappresentano il limite minore e quello maggiore), ci sono i bui (es. 2/4$, piccolo buio e grande buio) e il buy-in, ovvero la quantità di denaro da avere per entrare in partita (es. 40$, solitamente 10 volte il limite minore di puntata). In un pot-limit (limite di piatto) è consigliato un buy-in molto alto dato che le puntate saranno spesso corpose, solitamente 20 volte l’ammontare del grande buio può bastare.
Le modalità di gioco principali sono quindi quella a limite fisso e quella a limite di piatto.

Limite fisso - Vengono determinati limiti minore e maggiore di puntata, ad esempio in un gioco 2/4$ nei primi due turni di puntata ogni giocatore dovrà puntare o rilanciare di 2$, mentre negli ultimi tue turni dovrà puntare o rilanciare di 4$. Solitamente sono consentiti una puntata e 3 rilanci per ogni turno di puntata.

Limite di piatto – Il minimo di puntata viene stabilito dal grande buio, mentre il limite massimo di puntata è stabilito dall’ammontare del piatto. Ad esempio se il piatto contiene 10$ e il giocatore 1 ne punta 5, il giocatore 2 potrà a sua volta chiamare con 5$ oppure rilanciare da 5$ fino ad un massimo di 20$ (10 iniziali del piatto + 5 del giocatore 1 + 5 che potrebbe puntare lui).
Se invece anche il giocatore 2 chiamasse con 5$, il giocatore 3 potrebbe chiamare (sempre con 5$) oppure rilanciare da 5$ fino ad un massimo di 25$.
Non è possibile che le puntate scendano di valore, ad esempio non è possibile puntare 2$ se il giocatore prima di noi ne ha puntati 5.
L’unica eccezione a questa regola è il caso in cui si debba andare all-in, ovvero impegnare tutte le proprie chips nel piatto, senza comunque riuscire a raggiungere la puntata del giocatore precedente.

Tassa

I casino’ (e le sale da gioco online) spesso prendono una percentuale sul piatto come commissione. Tale tassa (rake) è solitamente del 5% e comunque non superiore a 3$ per ogni piatto, ma varia comunque da casino’ a casino’.

Tassa di ingresso

Un nuovo giocatore può entrare in una partita in qualsiasi momento, pagando una tassa di ingresso pari al grande buio, tranne quando si trova tra il button e il giocatore che dovrà puntare il grande buio. Allo stesso modo un giocatore che ha abbandonato il tavolo e ritorna dopo aver mancato il versamento di un buio potrà pagarlo al momento in cui risiederà al tavolo e ricominciare a giocare.
Un giocatore che rientra, così come un nuovo giocatore, può decidere se attendere il suo turno per versare il grande buio oppure se versare subito la tassa di ingresso (comunque di pari valore) per giocare subito.
Questa “tassa” è stata inserita per evitare che un giocatore potesse tentare di avvantaggiarsi allontanandosi “strategicamente” dal tavolo per evitare di versare i bui, o che un nuovo giocatore entrasse in gioco in un determinato momento per versare poi i bui il più tardi possibile.


Altri aspetti importanti

Buy-in – Come detto, quando sediamo ad un tavolo dobbiamo avere un “buy-in”, ovvero una quantità di denaro stabilita da investire nel gioco. Solitamente il buy-in corrispondente a 10 volte il limite inferiore di puntata va bene, anche se per giochi pot-limit (limite di piatto) è consigliato un buy-in più alto.
Il buy-in massimo per i giochi pot-limit è di 100 volte il grande buio.

Mazziere di Omaha – Il mazziere siede solitamente in posizione centrale al tavolo e serve le carte a tutti i giocatori. Il button, che determina quale sarà il primo giocatore a ricevere le carte di mano in mano, prosegue in senso orario e viene passato da giocatore a giocatore di mano in mano.

Quando la mano inizia le carte vengono servite a tutti i giocatori, partendo appunto da quello che si trova al button. Tutti i giocatori che entrano in partita durante il gioco devono versare la “tassa di ingresso” pari al grande buio; come abbiamo spiegato il motivo principale di questa regola è evitare che un giocatore possa entrare in gioco senza versare bui e quindi avvantaggiarsi della situazione continuando a uscire ed entrare dal gioco allontanandosi dal tavolo al momento opportuno.

Carte bruciate – All’inizio di ogni turno di puntata il mazziere scarta una carta dal mazzo. Queste carte vengono dette “burn cards”, carte bruciate.

Button – Il button come detto viene passato tra i vari giocatori di mano in mano, in senso orario. Il giocatore che ha il button viene detto appunto “on the button”. Dopo che la mano si conclude, il giocatore passa il button alla persona alla sua sinistra.
Qualora non ci sia un mazziere offerto ad esempio dal casino’, il button indica anche quale giocatore darà le carte in quella determinata mano.


Ordine di puntata

Vediamo ora l’ordine di puntata abituale di un Omaha Poker.

Bui – Per prima cosa vengono puntati i bui dai giocatori a sinistra del button. Il primo punta il piccolo buio, il secondo il grande buio.

Piccolo buio (small blind) – Solitamente il piccolo buio (small blind) è pari a metà del limite inferiore di puntata, quindi ad esempio in un 4-8$ Omaha il piccolo buio è di 2$.

Grande buio (big blind) – Il grande buio (big blind) corrispondente al limite inferiore di puntata, pertanto in un 4-8$ Omaha, il grande buio è di 4$.

Bui mancati (missed blinds) – Come abbiamo già indicato, qualora un giocatore abbandoni il tavolo e poi ritorni, dovrà versare gli eventuali bui che ha mancato in sua assenza.

Primo turno – Dopo che i bui sono stati versati, il mazziere da 4 carte coperte (hole cards) ad ogni giocatore, quindi ognuno può vedere le sue carte ma non quelle degli avversari. In questo turno le scommesse iniziano con il giocatore a sinistra del grande buio, che può chiamare, rilanciare o passare. Nel primo turno il giocatore al piccolo buio agisce dopo quello al button e quello al grande buio agisce dopo il giocatore al piccolo buio. Se nessuno ha rilanciato, il giocatore al grande buio può partecipare al gioco senza investire altre chips, poiché con il grande buio ha già versato la quota necessaria per partecipare alla mano.

Rilanci/Chiamate/Check/Passare – Ogni giocatore ha la possibilità di chiamare, passare o rilanciare (al primo turno) o di fare check (dal secondo turno in poi).

Turni successivi – Dopo il primo turno, le puntate inizieranno dal giocatore a sinistra del button, che potrà eseguire un check (quindi nessuna puntata), puntare oppure passare. Finchè non ci sarà una puntata anche gli altri giocatori potranno fare un semplice check, mentre dal momento in cui un giocatore punterà del denaro nel piatto gli altri giocatori potranno a loro volta puntare, rilanciare o passare.

Showdown – Dopo che si sono svolti i vari turni (consegna della carte, flop, turn, river), i giocatori rimasti (e che quindi non hanno passato) mostreranno la loro mano agli avversari. Il giocatore con la mano più alta vincerà il piatto.